Facebook TwitterLinkedInInstagramYouTube

Patentino anche per gli autodemolitori

La certificazione per il recupero dei gas Fluororati ad effetto serra non riguarda soltanto gli autoriparatori.

Questa normativa infatti investe anche gli autodemolitori che quindi entro il 12 aprile dovranno provvedere all'iscrizione al sito fgas.it e successivamente all'attestazione mediante la frequenza del corso specifico presso organi attestati.

La questione è stata sollevata più volte nei mesi scorsi, recentemente il Ministero ha chiarito con la seguente dichiarazione:

 

--> L’articolo 8 del D.P.R. n. 43/2012 prevede l’obbligo di iscrizione al Registro delle persone e delle imprese certificate per le persone che svolgono attività di recupero di gas fluorurati ad effetto serra (F-gas) dagli impianti di condizionamento d’aria dei veicoli a motore che rientrano nel campo di applicazione della direttiva 2006/40/CE (articolo 8, comma 1, lett. e)), nonché per le imprese che svolgono attività di recupero di F-gas dagli impianti di condizionamento d’aria dei veicoli a motore (articolo 8, comma 2, lett. e)).
--> Inoltre, l’articolo 9, comma 3, del D.P.R. n. 43/2012 prevede l’obbligo di attestazione per le persone che svolgono attività di recupero di F-gas dagli impianti di condizionamento d’aria dei veicoli a motore che rientrano nel campo di applicazione della direttiva 2006/40/CE.
Pertanto, tutte le persone e le imprese che svolgono le suddette attività di recupero sono tenute al rispetto delle disposizioni sopra descritte, a prescindere dal settore in cui esse operano (per esempio, autoriparazione o autodemolizione).
Sono compresi i soggetti  che svolgono le operazioni di rimozione dei gas fluorurati dai veicoli fuori uso durante l’esercizio dell’attività di messa in sicurezza prevista dalla Direttiva 2000/53/CE

 

Il mancato rispetto di questa normativa comporta sanzioni molto onerose: dai 7.000€ ai 100.000€.

Per verificare se un centro di autodemolizione ha eseguito la certificazione è sufficiente consultare la seguente pagina web:

CONSULTA IL REGISTRO IMPRESE CERTIFICATE

Stampa

Opel Astra G non va in moto

Questa Opel Astra G ha un problema piuttosto grave ma risolvibile se affrontato nel giusto modo. L'auto non va in moto e l'errore in memoria è P0251. Il nostro collega iuculano pietro ha risolto il caso utilizzando al meglio la diagnosi, ma soprattutto mostrando doti da buon elettrauto.

Per vedere come, clicca sul seguente link: SOLUZIONE DEL CASO

Stampa

Il controllo dell'usura della Frizione della Smart 450-451

La Smart adotta un cambio automatico robotizzato molto compatto che seppur non è molto veloce resta tecnicamente molto valido. Particolarità di questo cambio è la gestione della FRIZIONE, che è mossa da un elettro attuatore.

In un cambio automatico non è mai semplice comprendere se la frizione è usurata, pertanto quando le marce iniziano a slittare non è semplice capirne la ragione.

Componenti elettrici del cambio della Smart Fortwo

Leggi tutto

Stampa

Come scegliere un oscilloscopio digitale

Come scegliere un oscilloscopio digitale

L'evoluzione della tecnica ad oggi

Anche se ormai siamo abituati a vedere enormi progressi nel campo della tecnologia, la funzione dell’oscilloscopio è rimasta pressoché uguale fin dagli albori dell’elettronica: Misurare un segnale in tensione, anziché utilizzando un comune multimetro, che varia velocemente di valore nel tempo. Se si usasse un voltmetro, nel migliore dei casi si rileverebbe soltanto un valore medio della tensione senza possibilità di sapere se la tensione è più o meno corretta ad esempio su un iniettore rispetto agli altri.

Tektronix anni '60Hp anni '70

Leggi tutto

Stampa

Altri articoli...

GUASTIAUTO

Mobile: +39 333 6152490

Tel: +39 0733 897215

Via Del Torrione, 65

62012 – Civitanova Marche (MC)

Mail: info@guastiauto.com

P.Iva: 01706100433