Questo sito utilizza i cookie di sessione per permettere una corretta funzionalità e per fini statistici. Accettando o chiudendo questo banner si accettano le condizioni di utilizzo conformi alle direttive di legge.

Il sito guastiauto.com è gestito da un gruppo di tecnici esperti di autodiagnosi. Il sito ha lo scopo di fornire aiuto ed informazioni a tutti i professionisti del settore dell'autoriparazione per quanto riguarda la diagnosi elettronica

Scopri i nostri articoli

Articoli

Nissan Almera 1.5 DCI non ha potenza (Settembre 2012)

Stampa

Un'officina nostra affiliata questo mese ci segnala un singolare caso di guasto capitato su questa Nissan Almera N16E motorizzata con motore Renault 1.5 DCI.

DIFETTO: il motore non sempre parte al primo giro di chiave. Inoltre il motore vibra al minimo e accelerando la vettura manca di potenza. Infine il motore non va oltre i 3000-3500 giri.

 

AUTODIAGNOSI: La seguente schermata di diagnosi mostra gli errori rilevati in centralina motore.

Errore N°1: Il nostro collega ha subito proceduto a controllare visivamente l'EGR. Questa si è presentata libera di muoversi e comunque chiusa. Dunque non può essere la causa della riduzione di potenza.

Errore N°2: Il secondo errore, relativo alla "regolazione della pressione del common rail" ha richiesto maggiori controlli per escludere il guasto di uno dei componenti del sistema di alta pressione. Per questo è stata eseguita l'apposita regolazione presente nella diagnosi: "test di tenuta del circuito ad alta pressione". Questa regolazione deve essere eseguita collegando il kit delle burette agli iniettori. Il test deve essere eseguito per due volte ed al termine si confronta la quantità di gasolio recuperata per ogni iniettore. L'iniettore dove viene recuperata una quantità superiore di circa il doppio rispetto agli altri è quello che presenta il guasto.

iniettori del 1.5DCI

Il recupero ha mostrato che gli iniettori erano tutti funzionanti in quanto non si sono rilevate differenze sostanziali. Anche la pressione nel rail sembra corretta: 250bar al minimo e poi una pressione di circa 1000bar accelerando da fermi.

A questo punto il nostro collega, prima di incolpare la pompa di alta pressione e rivolgersi ad un pompista per la prova al banco, ha deciso di verificare l'ultimo degli errori presenti in diagnosi: "sensore di riferimento cilindro".

Errore N°3: L'errore si riferisce al sensore di giri e posizione dell'albero a camme.

Il controllo si è limitato alla disconnessione del connettore del sensore di fase, in quanto questo motore parte anche senza. Con grande sorpresa l'auto è partita senza manifestare sinistri tremolii. Quindi una prova su strada ha confermato la prima impressione: senza il sensore di fase, con valore di recovery, la centralina riesce a gestire in maniera corretta l'iniezione e i difetti scompaiono!

Sensore di fase

 

COSA CAUSA IL GUASTO: Il guasto è stato quindi causato da un sensore di fase guasto. Il guasto del sensore non è elettrico, altrimenti l'errore non sarebbe stato cancellabile e soprattutto, la centralina vedendo l'errore avrebbe preso il valore di recovery necessario a far funzionare al meglio il motore. Altresì l'errore è dovuto ad un difetto magnetico del sensore, che legge male il riferimento sull'albero a camme facendo sbagliare alla centralina i tempi di iniezione. Ciò causa la perdita di potenza, i tremolii al minimo e la difficoltà di avviamento.

I complimenti vanno a Marco per il caso risolto!

Copyright 2011 guastiauto. Designer Joomla templates. All Rights Reserved.