Questo sito utilizza i cookie di sessione per permettere una corretta funzionalità e per fini statistici. Accettando o chiudendo questo banner si accettano le condizioni di utilizzo conformi alle direttive di legge.

Il sito guastiauto.com è gestito da un gruppo di tecnici esperti di autodiagnosi. Il sito ha lo scopo di fornire aiuto ed informazioni a tutti i professionisti del settore dell'autoriparazione per quanto riguarda la diagnosi elettronica

Scopri i nostri articoli

Quando la batteria è da buttare?

Stampa
Categoria: Tecnica

 

La batteria dell'auto come tutti sanno è costituita da lastre di Piombo e Biossido di Piombo, Queste reagendo con l'acido solforico producono "corrente elettrica".

La tensione di una singola cella è di circa 2,1 Volt, questa tensione è specfica per le batterie al piombo.

Se abbiamo 6 celle, la tensione sarà 6 x 2,1= 12,6 Volt.

 

Figura: una batteria piombo acido per auto è composta da 6 celle, per un totale di 12,6 Volt nominali

 

12,6 Volt è la tensione nominale a vuoto di una batteria in perfetto stato. Ma quando questa si dice scarica? E quando questa scarica si può ripristinare con una ricarica oppure richiede la sua sostituzione?

La risposta non è difficile:

Quando la batteria ha raggiunto una tensione di 11,7 Volt l'acido al suo interno è diventato acqua e la batteria non è più in grado di rilasciare carica.

A questo punto è importante un fattore: quanto tempo la batteria è rimasta sotto 11,7 Volt?

Già, perché è proprio il tempo a dirci se la batteria sarà ripristinabile con una ricarica o no.

Ogni volta che la batteria scende al di sotto dell'80% della sua tensione nominale questa inizia a solfatarsi, a danneggiarsi.

Figura: a sinistra la piastra positiva, a destra quella negativa. Il deposito bianco che si nota è dovuto alla solfatazione delle piastre

La solfatazione comporta l'accumulo di polvere di solfato di piombo sulle piastre, polvere che impedisce alle piastre di riprendere la loro carica iniziale. Più è il tempo che si lascia questa polvere sulle piastre, più difficile sarà che in fase di ricarica questa polvere venga eliminata. 

Le piastre solfatate non riducono la loro tensione. Quindi una batteria solfatata può essere ricaricata....e può tornare ad avere 12,6Volt. Quindi? com'è possibile che si rovini?

Il problema sta nel fatto che una piastra solfatata riduce la sua superficie di contatto e di scambio con l'acido, quindi questa perde di capacità!

E' come se una batteria da 100Ah, solfatandosi, riducesse la superficie di contatto al 50%, quindi di conseguenza anche la carica si ridurrà del 50%!

Figura: quando le piastre sono nuove (a sinistra), la loro superficie non presenta segni di solfatazione.

Quindi, quando devono essere gettate via? le batterie vanno mantenute sempre cariche con un caricabatterie elettronico e se la tensione scende sotto gli 11,7 volt devono essere immediatamente ricaricate. Eseguendo una verifica con lo strumento di autodiagnosi è quasi sempre possibile trovare il parametro di efficienza delle batterie. Questo parametro ci dice lo stato della batteria molto meglio di quando riesca a fare un tester per batterie. Se l'efficienza è inferiore al 50% è ora di pensare alla sostituzione della batteria.

Copyright 2011 Quando la batteria è da buttare?. Designer Joomla templates. All Rights Reserved.