Questo sito utilizza i cookie di sessione per permettere una corretta funzionalità e per fini statistici. Accettando o chiudendo questo banner si accettano le condizioni di utilizzo conformi alle direttive di legge.

Cambio 9 Marce 948TE FCA

Stampa
Categoria: Tecnica Auto

La concezione del sistema di trasmissione per il cambio DDCT persegue l'obiettivo già sviluppato nelle versioni precedenti MTA ( Mechanical Trasmission Automatized), ovvero quello di migliorare le prestazioni dei componenti della trasmissione meccanica manuale; il sistema consente di evitare al conducente l'obbligo di controllare il pedale frizione e la leva del comando del cambio assicurandogli però il piacere di guida che deriva dal controllo diretto della trasmissione. Migliora inoltre la sicurezza di guida attraverso un controllo diretto che prevenga gli errori del conducente ed impedisca il controllo non corretto del sistema di trasmissione, offrendo al conducente un'interfaccia vettura più avanzata.

Il cambio in questione appartiene alla famiglia dei cambi a doppia frizione, dove rispetto ad un normale cambio meccanico la trasmissione del moto dal motore al cambio avviene tramite due dischi frizione. Ciò consente di ridurre i consumi e di aumentare il comfort di guida. Il sistema consiste essenzialmente in una trasmissione meccanica, con due dischi frizione a secco e cambio meccanico sincronizzato, gestiti da un robot elettroidraulico.

 

Figura: Cambio 9 Marce 948TE 

 

A differenza di molti cambi moderni, la centralina del cambio non si trova sul cambio stesso, ma è separata e normalmente viene posizionata all'interno dell'abitacolo:

Figura: Posizione centralina TCU nella Jeep Renegade

 

Il sistema di asservimento consiste in un gruppo elettroidraulico montato direttamente sulla scatola del cambio che gestisce, tramite degli attuatori, i seguenti movimenti del cambio:

Il gruppo elettroidraulico è comandato da 5 elettrovalvole (alle quali un'elettropompa ed un accumulatore forniscono la potenza idraulica richiesta).
Una centralina elettronica TCU, identificate le richieste del conducente dalla posizione della leva, gestisce autonomamente il cambio marcia, controllando direttamente le frizioni, cambio, e coppia motore; durante il cambio marcia, il controllo motore è asservito al controllo cambio.
La sinergia tra cambio e motore migliora notevolmente le prestazioni del sistema e libera il guidatore da qualsiasi necessità di sincronizzazione dei movimenti frizione-acceleratore durante il cambio marcia, che può essere effettuato con l'acceleratore sempre totalmente premuto.
Il sistema provvede ad inibire richieste errate di cambio marcia ed evitare spegnimenti indesiderati del motore o fuori giri.
In termini di assistenza alla guida il sistema assicura inoltre la disponibilità immediata della prima marcia quando il veicolo si ferma e la scalata automatica delle marce nel caso di una forte decelerazione.
L'indicazione della marcia innestata è visualizzata su un display integrato nel quadro di bordo, così come le indicazioni di guasti e di condizioni di guida critiche per il veicolo o per i componenti della trasmissione; queste sono evidenziate da una serie di messaggi di warning o di avaria vera e propria del sistema associate rispettivamente alle spie di avaria generica o di avaria trasmissione.

Le caratteristiche peculiari sono:

COMPONENTI

 

  1. Disco frizione marce pari K2
  2. Coperchio spingidisco frizione marce pari K2.
  3. Frizione marce dispari K1
  4. Gruppo Elettroidraulico.
  5. Albero secondario inferiore.
  6. Albero primario.
  7. Albero secondario superiore.
  8. Differenziale
  9. Meccanismo di attuazione Parking
  10. Forcelle di innesto.
  11. Scatola Cambio
  12. CSC marce dispari.
  13. Coperchio Inferiore.
  14. Cuscinetto reggispinta.